Category Archives: Network

Ascom Confcommercio di Genova diventa nuovo socio di AISEC

AISEC è lieta di annunciare l’ingresso di Ascom Confcommercio di Genova nel suo roster di soci: questa nuova collaborazione nasce con l’obiettivo comune di rendere la città di Genova sempre più circolare e all’avanguardia in termini ambientali, sociali ed economici. L’Ascom Confcommercio di Genova è attualmente coinvolta in un progetto di economia circolare chiamato “Dal Carciofo alla Bioplastica” insieme all’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova (IIT) e la Società Gestione Mercato di Genova (SGM). Il progetto propone di creare una filiera totalmente circolare e a km zero in grado, da una parte, di sfruttare i rifiuti organici del commercio ambulante, e dall’altra, di abattere il consumo di plastica biodegradabile per gli imballaggi. Per ora il progetto pilota verrà realizzato al mercato di Genova anche se il team di esperti sta già cercando finanziatori per esportare tale iniziativa all’estero.

Ascom Confcommercio di Genova è solo uno dei numerosi soci con cui AISEC ha instaurato una collaborazione. Questo dimostra quanto il tema dell’economia circolare stia prendendo piede tra le imprese del nostro paese rimarcando le innumerevoli opportunità di nuove partnerships sempre più innovative e diversificate. Per ricevere maggiori informazioni sul nostro lavoro e su come diventare soci contattaci presso l’indirizzo email info@aisec-economiacircolare.org e segui gli ultimi aggiornamenti sui nostri canali social media (Linkedin & Twitter).

Conferenza – Economia Circolare: Le imprese protagoniste del cambiamento

La Camera di Commercio di Genova organizza nella giornata di domani la conferenza “Economia Circolare: Le imprese protagoniste del cambiamento” che vedrà l’intervento di AISEC volto ad approfondire il ruolo dell’ Economia Circolare nel contesto dell’Agenda 2030.

L’iniziativa prevede una tavola rotonda tra Imprese, Istituzioni e Associazioni di Categoria per presentare e condividere progetti di Economia Circolare, sviluppare nuove sinergie sul territorio ed avviare nuove imprese.

Sempre più enti locali, fondazioni, aziende pubbliche e private, stanno cominciando a sfruttare in maniera intensiva le opportunità dell’economia circolare per realizzare occasioni di business che vanno dalla gestione corretta dei rifiuti e da cicli produttivi più attenti alla sostenibilità ambientale.

Consulta la locandina qui sotto per saperne di più sull’incontro e su come partecipare.
economia_circolare_27_febb

6 consigli per rendere la tua impresa circolare e sostenibile

Di Michael Ceruti

Economia Circolare: due parole, un concetto per introdurre un nuovo paradigma che ultimamente sembra essere molto in voga e sulla bocca di tutti. Come ogni buona tendenza che si rispetti anche l’Economia Circolare è stata figlia di numerose definizioni, critiche, commenti e dibattiti. Ma siamo sicuri che sia corretto definire l’Economia Circolare come una nuova tendenza? La risposta è piuttosto semplice: No. Essa infatti non solo rappresenta una necessità ma anche un’ opportunità incredibile per chi è interessato a massimizzare i propri ricavi nel più totale rispetto dell’ambiente e della società.

Nel digitare “Economia circolare definizione” su Google notiamo come l’ormai noto motore di ricerca ci mette a disposizione oltre 431.000 risultati provenienti dalle fonti più diversificate. Pur se non vi è un consenso unanime intorno alla definizione di Economia Circolare, il quadro in cui si è sviluppata e il coinvolgimento di tutti gli attori dell’attività economica ci fanno capire come sia molto limitata e sostanzialmente errata la definizione che danno alcuni, compresi buona parte dei media, dell’economia circolare come di una sorta di semplice sistema di gestione e riciclo dei rifiuti.

La definizione ad oggi più conosciuta è quella data dalla Ellen Macarthur Foundation, la quale considera l’Economia Circolare come: “Un modello economico concepito ad essere rigenerativo nel quale i prodotti sono disegnati, concepiti e progettati a monte per essere di lunga durata e facilmente riutilizzabili, rigenerati e rifabbricati ed in ultima istanza riciclati”.

L’ADEME (l’Agenzia Francese per l’Ambiente e l’Energia) invece definisce l’Economia Circolare come “un sistema economico di produzione e di scambio che, lungo tutti gi stadi del ciclo di vita dei prodotti, mira ad aumentare l’efficacia dell’utilizzazione delle risorse e a diminuire l’impatto ambientale sviluppando allo stesso tempo il benessere delle persone.

Il segreto della transizione dall’attuale modello economico lineare verso quello dell’ Economia Circolare sta nella partecipazione, impegno ed ingegno di diversi gruppi di persone. La ferocia competizione abbinata  alla crescente pressione sulle risorse naturali, la promulgazione dei 17 Obiettivi ONU dello Sviluppo Sostenibile (SDGs) e la presenza sempre più maggiore di consumatori attenti e sensibili agli impatti ambientali e sociali causate dalle imprese, mostrano come il “business as usual” dell’economia lineare fino ad ora utilizzato sia destinato presto a fallire. Questa consapevolezza sta spingendo le aziende a riconsiderare e ripensare il proprio modo di fare business.

Tutte le strade portano a Roma: utilizzando questo famoso proverbio come similitudine, anche le imprese hanno la possibilità di scegliere una o più vie (strade) per facilitare tale passaggio verso nuovi modelli d’impresa più circolari. Ma se si volesse intraprendere questo percorso, quali sarebbero gli step da seguire?

Abbiamo individuato sei fattori chiave che hanno la capacità di rendere il proprio business più circolare e sostenibile:

1- Forniture o acquisti sostenibili: sviluppare la capacità di provvedere a forniture di risorse provenienti da fonti rinnovabili, da riuso e da materiali riciclati, riciclabili o biodegradabili;
2- Recupero, riuso e riciclo delle risorse: ritirare il proprio prodotto giunto alla fine di un ciclo di vita per reimpiegarlo nuovamente;
3- Estensione della durata del prodotto:commercializzare prodotti pensati per durare a lungo nel tempo;
4- Piattaforme di condivisione: grazie ad una digitalizzazione sempre più avanzata, moltiplicare le piattaforme di collaborazione tra gli utenti per gruppi di prodotti;
5- Dal prodotto al servizio: adottare tale modello di business che negli ultimi anni è stato adottato per auto, apparecchi IT, musica e film in streaming, attrezzature sportive e diffonderlo anche in altri comparti come abbigliamento, arredamento, oggettistica, giocattoli e imballaggi.
6- Simbiosi Industriale: creare una simbiosi industriale cercando di disegnare un sistema caratterizzato da rapporti di interdipendenza funzionale in cui i prodotti di scarto di una linea di lavoro diventano un prezioso input per le altre linee. In questo modo si viene a configurare un sistema produttivo circolare, in cui scompare il tradizionale concetto di rifiuto.

Con il Quaderno Italiano di Economia Circolare realizzato da AISEC, la Nuova Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile” ed il documento “Verso un Modello di Economia Circolare per l’Italia” di recente finalizzate e pubblicate dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Mare e del Territorio, si sono create le condizioni ideali per le imprese italiane per fare questo scatto in avanti ed accogliere nella propria visione, strategia e modo di fare business i principi dell’Economia Circolare cosi da poter valorizzare al meglio il Made in Italy, l’ambiente con le sue risorse ed il ruolo delle Piccole e Medie Imprese (PMI).

Per saperne di più sulle nostre iniziative ed in particolar modo sull’attività formativa che AISEC sta portando avanti non esitate a contattarci (info@aisec-economiacircolare.org) e di seguire le ultime news sul nostro sito e sui nostri canali social media (Linkedin & Twitter)

Approvata la Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenbile

di Michael Ceruti

Nella seduta del 22 Dicembre 2017, il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) ha approvato la Strategia Nazionale di Sviluppo Sostenibile (SNSvS) che era stato presentato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 02 Ottobre 2017.

La Strategia, che rappresenta il primo passo per declinare a livello nazionale i principi e gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile adottata nel 2015 dall’ONU,  intende disegnare una visione di futuro e di sviluppo incentrata sulla sostenibilità, quale valore condiviso e imprescindibile per affrontare le sfide globali del nostro paese.

Il presente documento è considerato sia come un aggiornamento della precedente “Strategia d’azione ambientale per lo sviluppo sostenibile in Italia 2002-2010” sia come uno strumento per inquadrare la stessa nel più ampio contesto di sostenibilità economico-sociale delineato dall’Agenda 2030. L’accordo di Parigi sul clima è stato firmato da 175 Paesi con l’ Italia che lo ha ratificato il 27 Ottobre 2016 giusto in tempo per l’inizio della Cop22 in Marocco. L’Agenda 2030 rappresenta la chiave di volta per uno sviluppo del pianeta rispettoso delle persone e dell’ambiente, incentrato sulla pace e sulla collaborazione, capace di rilanciare anche a livello nazionale lo sviluppo sostenibile, nell’ambito di quattro principi guida:

  • Integrazione
  • Universalità
  • Inclusione
  • Trasformazione

Già nel prossimo quinquennio, l’obiettivo primario della Strategia sarà quello di migliorare le condizioni di benessere socio-economico che caratterizzano il nostro Paese: ridurre povertà, disuguaglianze, discriminazione e disoccupazione (soprattutto femminile e giovanile); assicurare la sostenibilità ambientale; ricreare la fiducia nelle istituzioni; rafforzare le opportunità di crescita professionale, studio, formazione; restituire competitività alle imprese attraverso una quarta rivoluzione industriale basata su tecnologie innovative e sostenibili.

E per quanto riguarda l’Economia Circolare, quali step prevede il Documento?

Bisogna inanzitutto sottolineare che sia la stesura della Strategia che la sua approvazione da parte del CIPE, sono il risultato di una profonda consultazione tra i vari stakeholders ed esperti del settore, che ha portato alla luce anche la pubblicazione del documento “Verso un modello di economia circolare per l’Italia – Documento di inquadramento e posizionamento strategico”.

La Strategia pone come modello di riferimento quello dell’Economia Circolare caratterizzato da basse emissioni di CO2 e resiliente ai cambiamenti climatici, alla perdità di biodiversità, alla modificazione dei cicli biogeochimici fondamentali (quali carbonio, azoto, fosforo) ed ai cambiamenti nell’utilizzo del suolo. Sono queste le principali aree strategiche, in particolare ambientali su cui la nuova Strategia intende intervenire.

Per raggiungere il successo sperato nel lungo periodo, il SNSvS dovrà stimolare e favorire l’utilizzo di modelli di produzione e consumo sostenibili e circolari. L’Economia Circolare è un paradigma che ha valenza non solo ambientale (in termini di maggiore efficienza delle risorse, eliminazione degli impatti ambientali incompatibili con le capacità auto-rigenerative dei sistemi naturali, chiusura dei cicli materiali di produzione e consumo, eliminazione degli sprechi e riduzione dei rifiuti), ma pone anche le basi per rafforzare l’integrazione tra i tre pilastri dello sviluppo sostenibile. Attraverso la realizzazione di nuovi modelli di produzione, distribuzione e consumo orientati alla sostenibilità, l’Economia Circolare mira, infatti, a stabilire nuove relazioni tra i soggetti economici basate sui principi di coesione e responsabilità sociale, di accesso equo alle risorse, di rispetto della dignità del lavoro e di inclusione sociale.

Leggi il documento integrale della nuova Strategia (link) per scoprire quali altri punti sono stati affrontati dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Per saperne di più invece sulle nostre iniziative ed in particolar modo sull’attività formativa che AISEC sta portando avanti non esitate a contattarci (info@aisec-economiacircolare.org) e di seguire le ultime news sul nostro sito e sui nostri canali social media (Linkedin & Twitter)

Formazione, networking e collaborazione: fattori cruciali per le aziende interessate all’economia circolare.

Il Presidente AISEC la Dottoressa Eleonora Rizzuto è stata intervistata al Salone della CSR e dell’Innovazione Sociale a Milano lo scorso Ottobre dove era intervenuta per parlare di Economia Circolare e di come le aziende ed i vari stakeholders possano abbracciare a 360 gradi questo nuovo modello di fare business.

Secondo il Presidente, fondatrice di AISEC nel 2014, è giunto il momento, nel contesto Italiano, di fare uno scatto in avanti verso un nuovo modello di fare economia che differisce da quello tradizionale lineare. L’obiettivo primario di AISEC è sempre stato quello di creare un networking forte fra le imprese e le cooperative locali e territoriali di modo da creare awareness su tale tematica ed accompagnarle passo dopo passo in questa transizione.

La dottoressa inoltre aggiunge: “Secondo da quanto è emerso dal primo quaderno di economia circolare – che ha raccolto la testimonianza di centinaia di aziende – ci siamo resi conto che c’è bisogno di formazione e di far capire che parliamo di un modello integrato e di un nuovo modo di produrre“.

“L’attività di formazione è un aspetto fondamentale” – continua Il Presidente AISEC – “e noi come AISEC ci poniamo come obiettivo quello di offrire formazione sul concetto di economia circolare e sulle modalità pratiche, operative e progettuali alle imprese che vogliono adottare tale modello

Segui l’intervista integrale per scoprire quali altri punti sono stati affrontati dalla Dottoressa Rizzuto sul concetto di economia circolare. Per saperne di più sulle nostre iniziative ed in particolar modo sull’attività formativa che AISEC sta portando avanti non esitate a contattarci (info@aisec-economiacircolare.org) e di seguire le ultime news sul nostro sito e sui nostri canali social media (Linkedin & Twitter)

Disruptive Innovation Festival – Informati in dieci tappe sull’economia circolare

Dal 20 ottobre e per le successive tre settimane c’è la possibilità di costruirsi una piccola cultura in tema di circular economy, grazie a DIF – Disruptive Innovation Festival, un festival gratuito e online dedicato all’innovazione più disorientante, quella che non introduce semplicemente un miglioramento delle funzionalità di un prodotto o di un servizio, ma genera un insieme di funzionalità nuove e sorprendenti per il mercato, e finisce per cambiare i modelli di business delle aziende e i comportamenti delle persone.  Pensate alla differenza tra l’arrivo delle macchine elettriche, da molti atteso come una tecnologia futuribile, ecologica e molto avanzata, e il probabile arrivo nel giro di pochi anni, delle Self Driving Cars, che già partecipano a gare dedicate e cominciano a girare per le strade.  Il primo è un esempio lodevole di innovazione. il secondo è una vera rivoluzione dei trasporti e della logistica.

Il festival è organizzato dalla Ellen MacArthur Foundation e fino al 14 novembre propone un programma di più di 200 iniziative.
I temi sono raggruppati in diversi percorsi. Uno riservato all’imprenditoria e alle start up, uno per gli educatori, uno dedicato al design e ai makers, ma anche un percorso rapido di introduzione agli aspetti della circular economy

Qui i tre principali appuntamenti della prima settimana (tutti il 20 ottobre)

Overcoming “Linear Lock-in”  – Il CEO della Fondazione Mac Arthur sarà online dalle 14 ora italiana per una lezione sul superamento di quella che potremmo definire “trappola lineare”, cioè del modello di produzione e consumo incardinato sul principio Produci-Consuma-Smaltisci che si sta dimostrando inadeguato alle sfide della crescita della popolazione e all’assottigliamento delle risorse. Il tipo di modello che l’economia circolare si propone di superare.

System Thinking and the circular economy – Una lezione sui modelli che spiegano il mondo come funziona e come protrebbe funzionare se il mondo produttivo provasse a imitare di più la natura dove tutto è fatto per essere rimesso in circolo. Online alle 16

Towards the Circular Economy – Dalle 18.30 un riassunto di quanto fatto in questi ultimi tre anni dalla fondazione Mac Arthur ripercorrendo i contenuti dei tre report finora rilasciati.

Buon festival a tutti!

L’economia circolare in Italia – Dove siamo

circular economy map

 

 

 

 

 

 

 

Ho scelto di iniziare a scrivere questo blog in italiano, invece che in inglese, per due motivi principali. Il primo riguarda la convinzione che sul tema dell’economia circolare, del design pensato per eliminare i rifiuti e in generale dell’efficienza delle risorse ci siano opportunità anche per aziende e realtà molto piccole, che magari non hanno modo di seguire la discussione globale su come rendere più efficienti i modelli produttivi, ma potrebbero beneficiare di uno strumento agile di informazione, per cogliere qualche stimolo e ripensare alla propria attività.

Il secondo riguarda la scarsità di risorse web in italiano su questo argomento. Ad oggi l’unica sito in italiano dedicato all’economia circolare, oltre a questo blog, è il forum LiguriaCircular, che su una realtà locale come quella genovese, vuole coinvolgere diversi attori per promuovere azioni e politiche centrate in particolare sul tema del trattamento rifiuti. Il Post e l’Huffington Post hanno scritto sull’argomento a luglio, in occasione della comunicazione UE. Oltre a questo, praticamente il nulla, a parte alcune aziende italiane decisamente di avanguardia su questi temi, come Valcucine e Novamont, che raccontano i loro progressi rispetto all’economia circolare. Di questi e altri casi avremo modo di parlare presto, perché uno degli obiettivi di questo blog, oltre a quello di alimentare la discussione in italia sulla circular economy,  è proprio mettere più italia dentro la mappa che vedete, con la quale la fondazione EllenMacArthur cerca di dare un’idea di quello che sta accadendo a livello mondiale sul tema.